ok - Rampioni su Zuccarini - foto Buzzeo

Dallo spazio del cielo non si vede più il brutto del mondo

Mercoledì 29 novembre, nel quadro delle manifestazioni del premio Rosa dell’Umbria, nella sala conferenze di Palazzo Trinci è stato premiato Stefano Zuccarini con “Targa allo Sport e Disabilità”, primo pilota disabile in Italia, Campione italiano di Volo a Vela Acrobatico, e il suo istruttore di volo, Pietro Filippini, pluricampione Italiano e Campione del Mondo di Acrobazia in Aliante. Stefano Zuccarini, folignate e avvocato, è noto da sempre alla città. Delle sue abilità tecniche e sportive ha già trattato con la consueta competenza Lanfranco Cesari, altrettanto noto depositario e studioso delle cose notevoli di Foligno. Dall’ormai corposo palmares di Stefano ritengo opportuno evidenziare solo il “1° Classificato al Quarto Campionato di Acrobazia in Aliante” nel 1998 e il “1° Campione Italiano di Acrobazia in Aliante a Squadre nel 2007 in qualità di Caposquadra”, tralasciando i numerosi 2°, 3°, e così via. Ma il suo vero primato Stefano lo aveva già conseguito.

  1. Ormai costretto alla carrozzella, fa il suo primo incontro con le discipline dell’aria fluttuando nel silenzio del cielo a bordo dell’aliante di un suo amico. È come una folgorazione. Però l’amore a prima vista e il desiderio di abbracciare quello sport si infrangono sul muro dei regolamenti: non esiste un precedente. Ma ormai Stefano ha guardato in alto verso il cielo, uno spazio dove non ci sono limiti o barriere e dove sa di potersi muovere godendo del massimo della libertà. Insieme a Pietro Filippini ed alcuni amici che hanno condiviso la stessa fede di Stefano nasce l’European Flight Association per consentire a tutti i disabili di volare. E questo è già un primo bellissimo risultato.
  2. Visita medica presso l’Istituto di Medicina Legale dell’Aeronautica Militare di Roma. Stefano è avvocato. Comincia a sezionare i codici con rigore autoptico fino a trovare in quell’art. 37 del d.p.r. 18/11/88 n. 566 la clausola che gli aprirà gli spazi dell’aria. Esce dalle visite “Fisicamente perfetto”. Il muro è infranto, il resto è solo entusiasmo, che supera i “dettagli” dell’aliante dai comandi modificati, della modifica dei regolamenti, e la scuola di volo.
  3. Stefano, sotto la guida esperta del suo istruttore di volo Pietro Filippini, vola da solo. Tutto il turbinio di sensazioni, incomprensibili agli “animali di terra”, rimarrà di sicuro fra quanto di più prezioso gli sarà dato da ricordare. Tuttavia da quel momento vede ancora un traguardo da raggiungere: l’acrobazia.
  4. Stefano Zuccarini vince il Quarto Campionato Italiano Promozione di Acrobazia in Aliante.

Personalmente sono orgoglioso di averlo come concittadino e amico, ma pensando alla sua storia non posso non pensare che a Foligno c’è un aeroporto i cui troppo spesso lunghi silenzi potrebbero venire annullati dal motore di un aereo che porta a librarsi in quota altri “uccelli” che la vita ha costretto in gabbie malvagie.

CARLO RAMPIONI

0 shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *