38_19-9-2018 I Primi d'Italia_XX edizione

“Primi” da venti anni

I Primi d’Italia, il festival nazionale dei primi piatti, giunge quest’anno alla sua XX edizione e per festeggiare questo traguardo costellato di successi, sarà dedicato “a tutte le donne”. Saranno infatti le donne, le protagoniste indiscusse di questa kermesse che è una delle più amate e seguite d’Italia: donne di spettacolo, donne chef stellate e regine della cucina. Ad accoglierle, come sempre, il centro storico di Foligno in 18 splendide location per quattro giorni consecutivi, dal 27 al 30 settembre. Già presentato in conferenza stampa (anche a Milano), il festival può contare quest’anno “su una spesa pubblicitaria e di comunicazione quasi raddoppiata rispetto agli altri anni – ci spiega Aldo Amoni, presidente di Epta Confcommercio Umbria, società organizzatrice della manifestazione – abbiamo investito molto sull’aspetto promozionale perché il nostro obiettivo è quello di bilanciare la proposta qualitativa dell’evento con una risposta altrettanto elevata di pubblico e presenza turistica sul territorio. Se il tempo sarà buono ci aspettiamo lo stesso successo dell’anno scorso: quasi 100 mila presenze in quattro giorni, tutti gli alberghi al completo e 18 mila kg di pasta cucinata”. Insomma, un successo ormai atteso e per il quale vedremo impegnata quest’anno la bravissima, simpatica e molto amata dal pubblico Anna Moroni, che per la prima volta ha accettato di dirigere uno dei 16 Villaggi del Gusto che animeranno le vie, le piazze e i vicoli di Foligno nei quattro giorni d’evento con pasta, gnocchi, riso, specialità gluten free e tutto quello che può entusiasmare il palato dei visitatori. Per la cucina d’autore, quattro chef stellate d’eccezione: Viviana Varese del ristorante Alice-Eataly di Milano; Cristina Bowerman del ristorante Glass Hostaria di Roma; Silvia Baracchi del relais Il Falconiere di Cortona (auditorium Santa Caterina – prenotazione obbligatoria). Ad aprire le danze del festival subito dopo la cerimonia inaugurale prevista per giovedì alle 19, sarà Anna Tatangelo con Live Music in piazza della Repubblica. E lei, come altri volti femminili, verranno premiati durante questa XX edizione de I Primi d’Italia che si presenta ancora una volta con una veste internazionale portando quest’anno i colori, i sapori e le sonorità della Spagna con la paella e il flamenco alla taverna Contrastanga. Il villaggio del cous cous e quello della polenta animeranno invece la taverna del Pugilli, i primi di mare tornano alla taverna dello Spada, i primi alle erbette selvatiche alla taverna Badia, il villaggio dell’amatriciana alla taverna Giotti, gli gnocchi fatti a mano alla taverna Croce Bianca, il tartufo alla taverna Morlupo, il riso e il tortello mantovano alla taverna Ammanniti, la pasta fresca e ripiena agli Orti Orfini, le tipicità toscane alla taverna Cassero e il villaggio dei primi di Anna Moroni all’ostello Pierantoni. Tra le novità di quest’anno c’è anche un intero villaggio del gusto dedicato ai vini d’Italia a palazzo Giusti-Orfini. Un’attenzione particolare verrà dedicata anche ai bambini che potranno partecipare alle attività e ai mini corsi di cucina studiati appositamente per loro per far scoprire, tra gioco e didattica, i principi della dieta mediterranea. Sempre per i più piccoli, domenica 30 arriveranno due ospiti speciali: “Masha e Orso” (pranzo e spettacolo su prenotazione). Ma per i 20 anni di gusto de I Primi d’Italia non poteva mancare tutto quel mondo di ricette e bontà che viaggia attraverso internet e cresce vorticosamente ogni giorno di più richiamando sempre più attenzione e curiosità: 20 blogger, una per ogni regione d’Italia, seguiranno e affiancheranno con maestria i quattro giorni di festa dedicati alla pasta. E sarà “una grande festa – come è pronto a scommettere il presidente Amoni che invita tutti a partecipare – i primi piatti rappresentano un punto di riferimento della nostra dieta mediterranea e un momento di allegria e convivialità da vivere insieme. La città di Foligno sarà piena di colori, profumi e sapori, per tutti i gusti e per tutte le età”. Un ventaglio ricchissimo di appuntamenti farà gola infatti ai tanti amanti dei primi piatti che potranno scegliere tra mostre mercato, convegni, cene, degustazioni, dimostrazioni culinarie, presentazione di libri, esposizione e vendita di prodotti, intrattenimento e spettacoli. Un’attenzione particolare anche all’aspetto solidale con una cena barocca di apertura del festival e uno spettacolo di beneficienza a cura della compagnia OLBC (Jesus Christ Superstar) per destinare i proventi all’associazione internazionale Soroptimist. Infine, torna l’accordo tra Trenitalia e I Primi d’Italia per promuovere e incentivare l’utilizzo del treno, lasciando a casa l’auto: sconto del 30% sugli eventi a pagamento per chi utilizzerà i treni regionali e per gli abbonati dell’Umbria; riduzione del 50% sul biglietto di ingresso ai musei di Foligno e del territorio aderenti all’iniziativa. Per tutte le informazioni riguardanti i prezzi, gli orari, i luoghi e le modalità di svolgimento delle varie iniziative dell’evento, si può consultare il sito internet iprimiditalia.it oppure chiedere all’infopoint in piazza della Repubblica a Foligno che risponde allo 0742/342518.

MAURA DONATI

0 shares
Previous Post

Se una mattina all’Antico Caffè incontrassi un artista

Next Post

Acque da mescolare e luce nuova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *