ok - saggio ginnastica ritmica foligno2

Grande spettacolo per i 45 anni della Fulginium

Si è concluso con una bellissima festa il 45° anniversario di attività della ‘Ginnastica Fulginium 1973’, società di danza e ginnastica ritmica di Foligno. Il classico saggio di fine anno, dal titolo ‘Atmosfere Musicali’, ha chiuso giovedi 13 Giugno al Palapaternesi di Foligno la stagione sportiva 2018-2019.

Le oltre 250 ginnaste partecipanti hanno saputo regalare al numeroso pubblico composto da genitori, nonni, zii (come il sottoscritto), fratelli, sorelle e amici un incantevole saggio di oltre due ore fatto di musica, colori e soprattutto… vere e proprie acrobazie, da far strabuzzare gli occhi di chi scrive e non solo. Per chi è poco abituato ad assistere ad uno spettacolo del genere una prova di corpo libero non fa molta differenza rispetto ad una di hip hop… ma soprattutto c’è il rischio che, dopo aver assistito all’esibizione del proprio figlio, fratello, nipote di turno, la voglia di continuare a guardare le ginnaste venga meno. Eppure tutte le partecipanti sono riuscite a rapire lo sguardo di ogni spettatore, facendo tenere gli occhi di tutti incollati sul parquet del palazzetto, agghindato a festa come non mai, dall’inizio alla fine.

Ginnaste a corpo libero senza attrezzi, con clavette (e chi pensava che si chiamassero così?), con il cerchio o con la fune, il nastro, la palla, da sole o tutte insieme, hanno deliziato la prima parte del saggio. La seconda è stata dedicata ai ragazzi e alle ragazze dell’Hip Hop, che hanno saputo emozionare ulteriormente tutto il pubblico del Palapaternesi.

Ma il meglio, se possibile, doveva ancora venire. Nell’ultima parte, infatti, tutte le ginnaste hanno dato vita ad un altro spettacolo nello spettacolo, trasformando in prove di ginnastica ritmica, gruppo dopo gruppo, alcune canzoni celebri della storia della musica italiana: ‘Mille bolle blu’ di Mina (con le bambine vestite di blu come gocce d’acqua), ‘Sì viaggiare’ di Battisti (con tanto di valigie da mare in mano) e poi ‘Il gatto e la volpe’ di Bennato, ‘Scende la pioggia’ di Morandi, la struggente ‘Ti regalerò una rosa’ di Cristicchi e molte altre ancora.

Il momento (forse) più bello? Quello dell’esibizione padri-figlie: alcuni genitori si sono letteralmente destreggiati insieme alle proprie principesse, regalando attimi di pura commozione.

A fine saggio, dopo le premiazioni, il rilascio dell’attestato e le parole di rito delle autorità presenti e dei vertici della Fulginium, molte piccole ginnaste ancora piene di energia e di adrenalina hanno continuato a volteggiare sulle punte, provando a coinvolgere nelle loro acrobazie, con scarsi risultati, i parenti, accorsi nel frattempo a riprenderle sul parquet che durante l’anno ospita le partite di tante squadre folignati. Menzione speciale va fatta a chi, con pazienza e passione, ha educato e allenato tutte le ginnaste nel corso della stagione: le insegnanti di danza Bocci e Rospetti, quelle di Hip Hop Celesti e Onofri, le tecniche Figoli, Fusaro, Janusina, Lorenzini, Marcelli, Morosini, Ricci, Romito e Salustri, insieme alle loro assistenti, senza dimenticare la presidente Paola Menicacci e chi ha allestito questo saggio finale. Che altro dire? Fulginium 1973, da oggi hai un appassionato in più!

GABRIELE GRIMALDI

0 shares
Previous Post

Investiamo sul futuro

Next Post

I trent’anni delle Gaite. Un flusso crescente di turisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content