vuoto2

Il caviale del Topino

Quegli anni turbolenti, eccitanti, quella speranza di futuro, quei gelati infervorati da Cirillo; quelle assemblee di classe, quei tornei dei “figli di papà” al circolo tennis e quelle partite di biliardino dei figli del popolo al circolo Subasio. E Lamberto, di notte, che chiudeva la pagina prima di farsi una birra da Brodoloni, ma solo […]

vuoto2

I cordoli provvidenziali

L’Advocatus Diaboli (che nel processo ecclesiastico è depositario dell’alta funzione di opporsi all’Advocatus Dei, con il compito di rendere tortuosa la canonizzazione) stavolta si spoglia della toga canonica mettendo sotto accusa chi, cinque anni or sono, ha estirpato quattro annosi tigli da via Oberdan. L’arredo urbano dovrebbe essere il primo biglietto da visita di chi […]

vuoto2

Maestri di sushi a Foligno e peracottari a Roma

Organizziamo eventi per celebrare vini e cibi del mondo, sotto forma di sushi giapponese (come si mangia a Foligno nemmeno a Kyoto), di pietanze indiane, di paella, di asado argentino, hot dog a stelle e strisce, grigliate bavaresi, ghiottonerie svedesi, norvegesi, islandesi, senza accorgerci che c’è del marcio in Danimarca, come ammoniva Marcello nell’Amleto di […]

vuoto2

Apologia della polpetta

Alessandro Borghese è approdato in Umbria con la popolare trasmissione di Sky “4 Ristoranti”. Tranquillizzatevi, il conduttore televisivo non ha niente a che fare con il principe Valerio Borghese – già comandante della X Flottiglia MAS – che nel dopoguerra si fece promotore di un fallito colpo di Stato, a cui collaborarono il Fronte Nazionale […]

vuoto2

Il Sacro ritrovato

La città ha preso le distanze dal Sacro. Perfino i muri esterni dei luoghi di culto sono presi d’assalto dall’incontinenza urbana, esposta agli atti più ripugnanti dell’umana natura. Le edicole votive sono abbandonate a se stesse, erose dal tempo, abbinate agli scarabocchi dei writers e alle insegne stradali. Sono sommerse dalle scatole delle centraline elettriche, […]

vuoto2

La ripa del fiume

Scenetta a cui ho assistito, giuro, attraversando il ponte di Porta Firenze, già di Porta San Giacomo e oggi Ponte della Liberazione. Gli anni passano, i figli crescono e i nomi cambiano, anche quelli dei ponti che ne hanno vista scorrere di acqua. M’imbatto in una scolaresca vociante e in un’insegnante trafelata (non ti sporgere […]

vuoto2

Stregati dalla Carbonara

Via Gramsci by night & food. Ma anche music & shottini ad uso dei Millennials. Una ragazza e un ragazzo siedono al tavolo di un ristorante. Il cameriere gli porge il menù. La fanciulla senza nemmeno sfogliarlo ordina una carbonara. Garbatamente il cameriere: “Mi dispiace signorina, non ce l’abbiamo”. “Non ce l’hai?”, domanda il ragazzo […]

vuoto2

L’amico non amico

Tutti noi abbiamo un amico non amico. Il mio l’ho incontrato in piazza. È un sagace perditempo che glissando la Fornero è andato in pensione ancora pimpante. È un censore a mani alzate che non accetta le opinioni altrui, ma non te lo dice. Di solito te lo manda a dire da un par suo […]

vuoto2

Figli di mare e figli di terra

Dalla dicotomia mare/terra ne scaturisce un’altra, che supera l’estensione geografica per ricollegarsi a quella più intima e, per certi versi, più dolorosa: quella dell’opposizione tra permanenza e distacco. Se il mare allude alla fuga e al distacco – e metaforicamente alla necessità di allargare le proprie conoscenze al sentimento dell’ignoto – al contrario la terra […]

vuoto2

Esprimere un vuoto

Per le note ragioni imputabili al tagliando antifrode c’era la coda al mio seggio. Ciò mi ha permesso di scambiare con i votanti quattro affabili chiacchiere. Una vicina di casa – che conosco solo di vista (buongiorno e buonasera) – mi ha detto ad alta voce perché sentissero tutti: “Mia madre ha votato a destra. […]

Skip to content