vuoto2

Un anno proprio da dimenticare. Caduta degli dei sotto l’albero

L’onorevole Pepe che sollecita il presidente del Brasile Bolsonaro a ridarci Sofri, invece di Battisti, con la Taverna che ribatte, senza correggerlo, “ci penserà la magistratura”. Paolo Santarelli, il papà di Napoli che protesta perché la scuola De Amicis del quartiere Chiaia ha fatto cantare ai bambini Bella Ciao. La mamma di Chivasso che ha detto alle maestre della scuola d’infanzia Peter Pan che avevano cambiato il bimbo con pantaloni di emergenza color fucsia “Lo preferivamo pisciato, che sappiamo asciuga, a vestito da femmina e con le idee sull’identità di genere in conflitto”. Che Natale, cari amici! Senza considerare la Caduta degli Dei. Partiamo da Macron che ha ceduto alla protesta dei Gilet gialli presentandosi in Tv balbettante e con un evidente pallore in viso, a fare retromarcia sulle decisioni prese. Poi c’è la Merkel che, dopo la batosta elettorale, ha lasciato il partito a una sua allieva decidendo così di chiudere la sua carriera. E ancora Theresa May, primo ministro del Regno Unito, sbeffeggiata e spernacchiata in Parlamento anche dai suoi. E in casa nostra? Beh, anche qui assistiamo alla marcia indietro del Governo sulla manovra sostenendo che aveva sbagliato i conti per eccesso. Infine anche in casa dei Dem c’è un albero senza palle. È cominciata la corsa dei sette nani (pardon, candidati) alla segreteria nazionale con l’ex premier Renzi che veste i panni del cacciatore che vuole uccidere Pd-Biancaneve e la Boschi che si è trasformata in strega cattiva. Ora si aspetta di vedere a chi verrà regalata la mela avvelenata. Un’ultima cosa. Pare che El Presilla abbia chiesto a Babbo Natale, Ronaldo, di contribuire ad aggiungere altre due stelle alla maglia della sua squadra del cuore: una per lo scudetto e l’altra per la coppa con le “recchie”. Auguri a tutti.

ROBERTO DI MEO

0 shares
Previous Post

Il presepe della speranza

Next Post

Lo spiedo e il pillotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *