Schermata-2020-03-21-alle-09.43.24-7

La dieta ideale contro il Coronavirus

L’alimentazione non può impedire l’infezione dal virus.
Ma può rafforzarci per affrontare la battaglia contro questa grave patologia

Il dottor Cesare Pippi, specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, in Scienza dell’alimentazione e Dietologia (già dirigente medico della Cardiologia UTIC USL 2 Umbria – Foligno e libero Professionista c/o Specialmed Foligno) ci aiuta a capire quale tipo di alimentazione può aiutarci in questo difficile momento.
L’intervista

Dottor Pippi, esiste un’alimentazione, una specifica dieta, o almeno uno schema alimentare che possano impedire l’infezione dal Coronavirus?
No. Solo il mantenimento di una giusta distanza da tutti (almeno 1 metro, meglio 2), la pulizia ripetuta delle mani (e del viso), il non uscire di casa o almeno non recarsi in posti anche minimamente affollati e l’eventuale uso di mascherina e guanti, possono darci una notevole sicurezza di non contrarre l’infezione. Sia chiaro: non esistono diete o schemi alimentari che possano renderci immuni dall’infezione dal virus SARS-CoV-2 e dalla COVID-19 malattia ad esso collegata. Ma è più che mai importante avere una corretta alimentazione.

Perchè?
Perché è possibile che la nostra alimentazione contribuisca in modo importante a rendere il nostro organismo molto più efficace nella reazione contro l’infezione e l’instaurarsi della malattia stessa.
Possiamo far trovare il nostro corpo nella migliore delle condizioni per affrontare la battaglia contro questa grave patologia respiratoria.
Gli obiettivi che possiamo prefiggerci sono:
– Rendere più forte e reattivo possibile il nostro sistema immunitario
– Farci trovare nel miglior stato di salute possibile

Come?
Un’alimentazione basata su prodotti adeguati serve a:
1. potenziare e rendere efficaci le nostre risposte immunitarie,
2. mantenere e aumentare il nostro stato di salute
3. diminuire lo stato infiammatorio dei nostri organi ed apparati
4. ridurre tutti i fattori di rischio del nostro organismo
5. aumentare l’efficienza del nostro microbiota intestinale.

E queste settimane su che cosa puntiamo?
Sono da privilegiare soprattutto la frutta e la verdura fresca. In particolare gli agrumi con il loro elevato contenuto di Vitamine C e A, di sali minerali e di fibre sia solubili che indigeribili. Ma tutta la verdura fresca e tutta la frutta di stagione e possibilmente coltivata in zone a noi prossime, contengono la maggioranza di vitamine, sali, minerali, fitocomposti, sostanze antiossidanti, cioè il meglio dei prodotti alimentari naturali e salutari. Poi utilizzare al meglio gli altri alimenti vegetali di cui disponiamo privilegiando sempre la loro forma integrale (non raffinata o solo parzialmente raffinata).

Dobbiamo rinunciare a tutti gli alimenti di derivazione animale?
No. Ma dobbiamo ridurre il loro consumo e scegliere i prodotti meno insalubri: un pò di carne da animali allevati liberamente al pascolo, pesce pescato o allevato in stabilimenti di acquacoltura non intensiva, uova da galline ruspanti, poco latte, un pò di yogurt, raramente i formaggi.

Quindi riassumiamo gli alimenti consigliati per combattere efficacemente il Coronavirus?
Verdure fresche, crude e cotte; frutta fresca, agrumi e frutti di bosco in testa; cereali integrali (pane, pasta e riso non raffinati); legumi di tutti i tipi da consumarsi anche più volte al giorno, frutta secca tutti i giorni, olio d’oliva come unico condimento grasso, spezie e erbe aromatiche, caffè, , tisane e infusi, un poco di vino, spremute e estratti di frutta e verdura, tanta acqua.

Rispetto al sovrappeso cosa fa un’alimentazione così impostata?
Tutti gli studi e le indagini epidemiologiche nazionali e internazionali confermano che con questo tipo di alimentazione si vive di più e meglio, si mantiene il peso forma, si dimagrisce se necessario.

Per saperne di più è possibile visitare la pagina Facebook del dottor Pippi “Alimentazione al tempo del Coronavirus”
https://www.facebook.com/cesarediet/

0 shares
Previous Post

Povertà e Coronavirus, Caritas in prima linea

Next Post

Cura Italia, l’analisi del decreto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content